lavori in corso – aprile 2018

Aggiornamento 14.04.18

Pochi giorni fa le vasche di stoccaggio del depuratore, contenenti un ingente quantitativo di fanghi da depurazione (circa sette mila metri cubi, secondo quanto riferito dalla stampa) sono state sottoposte a sequestro in un’azione congiunta della Guardia di Finanza di Civitavecchia e dei Carabinieri Forestali di Viterbo, coordinata dalla Procura di Viterbo. Non si prevede che il sequestro di rifiuti speciali possa rallentare i lavori di ripristino del sistema fognario circumlacuale, iniziati nel mese di marzo. Si spera che le indagini, finalizzate all’individuazione delle responsabilità per lo stato di degrado e inefficienza dell’impianto di trattamento reflui, abbiano un esito rapido e che diano chiare indicazioni per la futura gestione dell’intero sistema fognario.

A che punto è il ripristino del sistema fognario circumlacuale?

Abbiamo rivolto la domanda al direttore del Cobalb Massimo Pierangeli, che ci ha illustrato la situazione. Qui un riepilogo dei lavori finora effettuati e della loro programmazione per i prossimi mesi.

In questa prima fase i lavori si concentrano sull’impiantistica idraulico-meccanica delle stazioni di sollevamento. In ogni stazione si puliscono e spurgano le vasche e condotte, si controlla lo stato delle vasche di accumulo, del valvolame e delle tubazioni per ripararle in caso di bisogno, si sostituiscono le pompe difettose e si installano queste mancanti.

Per ora le stazioni sono rese funzionanti con i vecchi quadri di comando e controllo elettrici, i quali saranno sostituiti nella seconda fase operativa. Segue la terza fase con il ripristino del depuratore e, alla fine, sarà installato il nuovo sistema di telecontrollo.

Ad oggi sono state ripristinate le seguenti stazioni di sollevamento (vedi la mappa BLEU, in aggiornamento):

Nella prossima settimana saranno ripristinate le stazioni SS6, SS7 e SS8. Successivamente si dedicherà una settimana al ripristino dell’importante stazione 9, continuando poi fino alla stazione 20.
L’ultima stazione da ripristinare sarà la SS1, nelle cui vicinanze sarà sostituito un lungo tratto di condotta.
Si prevede che le prime due fasi di lavoro saranno terminate entro fine maggio. Seguirà il lavoro di ripristino del depuratore per il quale si prevedono circa 5 mesi di lavoro.

Il maltempo è stato motivo di problemi e ritardi: in caso di piogge forti, l’afflusso delle acque non è contenibile e causa l’interruzione dei lavori.

I rifiuti derivanti dalla pulizia e dallo spurgo vengono in parte consegnati alla ditta SIECO e, in parte, trasportati al depuratore e stoccati nei sedimentatori.